Rolling Stone Febbraio 2006

Joyce Carol Oates

OCCHI DI TEMPESTA

Mondadori

Ci sono vite vissute in vetrina. Un contegno da mantenere. Non aspettano altro, vogliono vederti crollare. Di questo è convinto Reid Piersons, ex atleta e cronista sportivo, bello e simpatico. In casa ha una foto in cui stringe la mano a Bill Clinton. Mille trofei, una bella moglie, tre figli, amici ricchi e influenti. Ma quando i riflettori vengono spenti, che cose è disposto a fare per preservare l’apparenza? Oates scrive un thriller per raccontare il potere di un uomo sulla sua famiglia. Lo fa attraverso Francesca, la primogenita, e Occhi di Tempesta, la vocina interiore che le sbatte in faccia la realtà. Quel continuo brusìo che demolisce sogni e illusioni. La verità, tutta la verità, nient’altro che la verità. L’ultima volta che Francesca parla con suo padre si accorge che porta una parrucca. E’ calvo. Non lo aveva mai notato.

Valeria Brignani

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...